+39 030 2807547

Correzione incurvamento penieno

Correzione incurvamento penienoL’incurvamento del pene è una grave patologia peniena che interessa circa sei 
uomini su mille. L’incurvamento penieno acquisito è una patologia che osservano, 
in molte delle sue forme, i medici specialisti del Poliambulatorio Medico 
Chirurgico Dottor Enrico Filippini. La curvatura è dovuta, nella maggior parte 
dei casi, alla malattia di La Peyronie anche nota come Induratio Penis Plastica 
(IPP). La IPP è caratterizzata dalla presenza di una o più placche fibrose 
dure, localizzate lungo l’asta peniena, a livello dei corpi cavernosi. La 
placca, priva di elasticità per la sua natura cicatriziale, provoca durante l’
erezione l’incurvamento a causa della anomala distensione del pene.

L’età media di insorgenza della malattia è tra i 50 e i 60 anni, anche se è 
possibile osservarla in epoca molto più giovanile.

Si riscontra più 
frequentemente in pazienti affetti da diabete mellito, aterosclerosi, 
ipertensione arteriosa, malattia di Dupuytren (retrazione fibrotica dei tendini 
della mano) o in pazienti che riferiscono macro o microtraumi penieni ripetuti, 
coitali o occasionali (ad es. sellino e manubrio di bicicletta).

I medici del 
poliambulatorio di Brescia adottano tutte le più moderne tecniche mediche per 
curare l’incurvamento. Complessi polivitaminici antiossidanti per curare le 
malattie metaboliche spesso coesistenti molte volte non basta.

Da circa vent’anni gli 
specialisti andrologi del centro Filippini hanno invece affinato una tecnica 
molto semplice che permette il passaggio in profondità all’altezza della placca 
fibrosa di farmaci e fitofarmaci attraverso una particolare apparecchiatura.

La 
terapia comporta cicli da effettuare nel poliambulatorio, con una terapia 
di mantenimento da eseguirsi a casa. Un ciclo consiste circa in dieci sedute, eseguite in assenza 
totale di dolore e in massimo comfort. Le sedute possono essere mantenute con 
frequenze mensili fino alla guarigione o al blocco della progressione della malattia.

Ricordiamo che lo scopo finale è quello di permettere al paziente di avere una vita sessuale soddisfacente e per questo un lieve incurvamento può essere tollerato, ma non di più.