+39 030 2807547
shutterstock_344614031

Problemi di erezione: onde d’urto per combattere l’impotenza

Pubblicato il

Le onde d’urto a bassa intensità e lineari sono diventate da pochissimo tempo la terapia di elezione per guarire le impotenze di origine circolatoria e, nel nostro Poliambulatorio di Brescia, siamo tra i primi a sfruttare questa nuovissima metodica.

Ma in cosa consiste l’impotenza di origine circolatoria? È La difficoltà, dovuta alla cattiva circolazione dei vasi del pene, a raggiungere o mantenere l’erezione il tempo necessario per avere un rapporto sessuale. Il problema insorge progressivamente ma inesorabilmente e ne sono afflitti tantissimi uomini.

Fumo, diabete, ipertensione e cattiva alimentazione sono le maggiori cause. In passato, prima dell’avvento delle onde d’urto a bassa intensità, l’andrologo del nostro centro Andrologico dopo il doppler cavernoso e gli esami ematici proponeva la famosa pastiglietta, da utilizzare al bisogno.

Ora non più… perché ora abbiamo la possibilità di utilizzare le onde d’urto speciali, diverse da quelle utilizzate in ortopedia e fisiatria, che rigenerano i vasi del corpo cavernoso e rinnovano la circolazione.

Viene chiamata neoangiogenesi ed è la vera e unica cura per gli uomini che hanno i vasi del pene mal funzionanti e per questo non governano l’erezione con conseguente rapporto sessuale scadente. Infatti le onde d’urto, che in realtà l’urto lo fanno solo percepire delicatamente ai nostri pazienti, emesse da un’apparecchiatura apposita, penetrano delicatamente e impercettibilmente nel tessuto creando le condizioni biologiche per la creazione di nuovi vasi.

Il nostro esperto andrologo del Poliambulatorio appoggia delicatamente il manipolo molto simile ad un semplice ecografo sul pene del paziente e lo fa scorrere delicatamente all’altezza dei corpi cavernosi. In pochi minuti l’effetto di rigenerazione è avviato e la seduta può terminare. Qualche altra semplice applicazione nelle settimane seguenti e… il gioco è fatto!

Le percentuali di successo sono alte, i costi sono proporzionali al livello tecnologico della strumentazione ma riuscire a liberarsi dalla pillolina con i suoi possibili effetti collaterali e soprattutto potersi con alta probabilità considerare guariti e “ringiovaniti” è assolutamente impagabile!