+39 030 2807547
Mal di schiena

Mal di schiena? Dimagrisci, fuma poco e sii felice!

Pubblicato il

I medici del poliambulatorio medico chirurgico dottor Enrico Filippini sono sempre molto attenti alla salute, al benessere e a tutti i fattori che compromettono la qualità della vita.

Il mal di schiena rende spesso la vita infernale a oltre un terzo degli adulti e questo è terribile per il drammatico calo qualitativo del benessere soggettivo di chi ne è affetto. Eppure solo la metà circa delle persone che ne soffrono si rivolge a un medico.

Il mal di schiena è motivo di preoccupazione per molti, soprattutto se provoca ininterrottamente dolori lancinanti.
Affrontare la vita quotidiana con una schiena dolorante è davvero molto difficile.

Proprio per questo motivo, la maggior parte di chi soffre di lombalgia ricorre ad analgesici ed antidolorifici di diverso genere, nella vana speranza di sedare lo spasmo e tornare alla vita di tutti i giorni.

È importante, però, agire sulle cause scatenanti il mal di schiena, riconducibili il più delle volte alla cattiva postura, agli sforzi eccessivi, a lesioni o cadute pregresse.

Gli studiosi che hanno partecipato all’ultimo congresso dell’American Academy of Orthopaedic Surgeons si sono trovati d’accordo nel riconoscere tre fondamentali fattori che scatenano e aggravano il mal di schiena:

  • il primo è l’obesità; quasi il 20% di coloro che soffrono di mal di schiena sono fortemente sovrappeso, e concorre il micidiale mix di carico sulla colonna e alterazioni metaboliche che infiammano muscolo e ossa.
  • l’eccessivo consumo di alcool è l’altra causa, sempre di origine alimentare, che scatena il mal di schiena.
  • La terza e ultima causa di lombalgia sono la depressione e i disturbi dell’umore; probabilmente alterano la fisiologia muscoloscheletrica innescando processi flogistici e contratturali.

Questi dati, a voi riportati dal team del centro medico estetico di Brescia, derivano dallo studio fatto su un campione di 26milioni di persone, 1,2 milioni con lombalgia diagnosticata.